Eventi

Lean Production Main Tools, Value Stream Mapping e creazione del valore

Il corso partendo dai principi di fondo della Lean, presenta un ventaglio di tecniche e approcci per migliorare complessivamente le prestazioni dell’Azienda e la partecipazione di tutto il personale nelle attività di miglioramento e mantenimento delle prestazioni.

Un’attenzione particolare è rivolta all’applicazione della tecnica Value Stream Mapping con l’obiettivo di identificare i colli di bottiglia più critici.

DESTINATARI

Responsabili di Produzione, Responsabili Logistica, Responsabili Acquisti / Supply Chain, Responsabili di Qualità

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

  1. Il lean thinking come elemento comune di tutta l’Azienda
  2. I cinque principi del lean thinking
  3. Gli indicatori fondamentali
  4. I sette sprechi nell’approccio Lean, un punto di partenza per ottenere risultati propedeutici ad approcci più complessi
  5. Le 5 S, l’approccio più semplice per una rapida “pulizia” dell’ambiente d’ufficio; i contenuti delle cinque fasi
  6. Value Stream Mapping (VSM)
  7. Le logiche per definire un programma operativo efficace

 

OBIETTIVI

  • Acquisire le conoscenze di base dell’approccio Lean
  • Apprendere un modello di analisi per identificare gli sprechi in Azienda
  • Capire l’effetto sinergico degli strumenti presentati
  • Avere gli elementi per applicare i metodi in Azienda e diffondere la cultura LEAN
  • Sviluppare piani di miglioramento efficaci

 


Vi invitiamo a contattarci allo 039 2045780 per maggiori informazioni in merito alle condizioni di partecipazione.

FMEA: Failure Mode and Effect Analysis

Il corso illustra le situazioni tipiche di applicazione della FMEA, strumento essenziale per migliorare l’ affidabilità di prodotti e processi, sia in fase di sviluppo che già esistenti. Come un’efficace analisi delle criticità può favorire l’approccio sistematico alla manutenzione preventiva.

DESTINATARI

Responsabili Produzione, Responsabili Manutenzione, Responsabili Progettazione / Direzione Tecnica, Responsabili di Qualità

 

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

Cos’è la FMEA e gli obiettivi generali della FMEA – Le origini e la storia della FMEA

I componenti fondamentali della FMEA: failure mode, effetto (conseguente al failure mode), cause del failure mode –  L’approccio logico di applicazione della FMEA:  Failure Mode, Effetto, Causa

Quattro tipologie fondamentali della FMEA

  • Concept FMEA: applicata in fase di concezione (concept) di un nuovo prodotto / sistema, per valutare la robustezza e la consistenza della “nuova idea”
  • Design FMEA applicata nel processo di sviluppo di un nuovo prodotto e nel miglioramento di prodotti esistenti relativamente ai parametri affidabilistici e prestazionali del prodotto stesso
  • Process FMEA applicata nei processi produttivi e non per migliorare la qualità del prodotto
  • Equipment (Tooling) FMEA applicata nel processo di sviluppo di un nuovo impianto e nel miglioramento di impianti esistenti relativamente ai parametri affidabilistici e prestazionali dell’impianto stesso

 

Gli obiettivi di ciascuna FMEA e il significato di failure mode, effetto e causa nelle quattro tipologie di FMEA, esempi di applicazione nei diversi settori industriali e dei servizi

 

Benefici tipici attesi dall’applicazione della FMEA e su quali KPI’s impatta ciascuna tipologia (qualità, OEE, MTBF,MTTR, tempi di sviluppo prodotto, ecc.) con presentazione dei KPI’s e loro calcolo

 

Quali sono le differenze fondamentali tra le diverse FMEA e quali sono le “similarità” e le diverse situazioni applicative

 

Il flusso di applicazione della FMEA (con discussione in gruppo di situazioni operative)

 


Vi invitiamo a contattarci allo 039 2045780 per maggiori informazioni in merito alle condizioni di partecipazione.

Il Processo di acquisto e il benchmarking dei fornitori

L’ efficace gestione delle strategie di acquisto e delle relazioni di fornitura possono rappresentare una leva di vantaggio competitivo sul mercato e le relative competenze diventano un fattore critico di successo per le imprese.
Per raggiungere tale obiettivo è necessario ricercare l’eccellenza e il governo completo del processo di acquisto, sviluppando adeguate figure professionali con visione strategica del business, in grado di guidare e sviluppare il parco fornitori, analizzare e risolvere le criticità della fornitura, portare il processo di approvvigionamento a standard qualitativi di eccellenza.

DESTINATARI

Responsabili acquisti, logistica, supply-chain, produzione, ricerca e sviluppo o anche buyer che intendano sviluppare le proprie competenze per prepararsi a ricoprire ruoli di maggiore responsabilità.

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

• L’impatto degli acquisti sul business e la gestione del portafoglio acquisti
• L’analisi ABC del portafoglio acquisti: categorie di acquisto, struttura del portafoglio acquisti, l’analisi dello spending
• La matrice di portafoglio di Kraljic
• La gestione dei mercati di fornitura
• L’analisi dei mercati di fornitura: struttura dei mercati di acquisto, posizionamento dei fornitori e tecniche di pricing dei fornitori
• I criteri di selezione di potenziali fornitori
• Tipologie di rapporto di fornitura
• La negoziazione
• Rating e ranking dei fornitori: prestazioni da valutare a seconda della tipologia di fornitore e tecniche di vendor rating
• Analisi e valutazione dei prezzi di acquisto
• Gli approcci alla valutazione dei prezzi di acquisto: price analysis/cost analysis e relative tecniche
• Il vendor rating e la misura delle prestazioni in termini di valore generato sul mercato (prezzi), di efficienza (costi), di qualità, di servizio

RISULTATO ATTESO

Inquadrare il ruolo strategico della funzione acquisti in azienda, sviluppare le competenze di management degli acquisti, fornire gli strumenti operativi a supporto della gestione degli acquisti.

ORARI DEL CORSO

Dalle 9.00 alle 17.00.

Si precisa che i primi 10 minuti del corso saranno dedicati alla presentazione del corso, dei partecipanti e del Centro.


L’ASSEMBLAGGIO DI COMPONENTI IN MATERIALE PLASTICO

Le problematiche di assemblaggio derivanti dall’impiego di parti realizzate in materiale polimerico, specialmente termoplastico, sono specifiche del settore, al punto che alcune tecnologie vengono impiegate in modo esclusivo. Da un altro punto di vista, in quanto “parametrici” per eccellenza, detti materiali si prestano a interpretare appieno i fondamenti delle moderne metodologie di sviluppo prodotto. Poter orientare la scelta della più corretta strategia di assemblaggio, quando ancora si è in fase di “architettura”, orienta il prodotto verso un indubbio vantaggio competitivo.

DESTINATARI

Designers, Progettisti prodotto, Tecnici di Produzione

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

  1. La problematica dell’assemblaggio in seno alle metodologie di sviluppo prodotto: Design for Assembly
  2. Tecniche di assemblaggio ”in situ” mediante processi di trasformazione
  3. Tecniche di assemblaggio generali e specifiche per le materie plastiche: metodi “chimico-fisici”, “termici” e “meccanici”, non riconducibili ai processi di trasformazione
  4. “Case study” e brevi esercitazioni progettuali

ORARI DEL CORSO

Dalle 9.00 alle 17.00.

Si precisa che i primi 10 minuti del corso saranno dedicati alla presentazione del corso, dei partecipanti e del Centro.



Maggiori informazioni su modalità di partecipazione e quote d’iscrizione vi invitiamo a contattarci