Eventi

IL PRODUCT COSTING E LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE

Il corso si pone l’obiettivo di fornire le nozioni fondamentali sui principali aspetti della contabilità industriale, con l’ intento di chiarire le modalità di determinazione dei principali costi di produzione e la composizione del costo del prodotto, sino ad indicare utili tecniche di pricing. Gli argomenti trattati trovano quindi adeguato completamento nella stesura e comprensione di un conto economico riclassificato

 

DESTINATARI

Personale addetto alla contabilità industriale, alla preventivazione prodotto, alla pianificazione e controllo delle commesse

 

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

Primo giorno

  1. Concetti base di contabilità industriale e definizione delle varie tipologie di costi: variabili, fissi, diretti, indiretti
  2. Nozioni base per un conto economico scalare: il valore prodotto, i margini di contribuzione, il punto di pareggio, l’utile
  3. Valutazione delle rimanenze di magazzino
  4. Il costo del personale
  5. L’ ammortamento tecnico dei macchinari produttivi
  6. L’ elaborazione di un “Rendiconto economico riclassificato”.

 

Secondo giorno

    1. Metodologie di allocazione dei costi in un’azienda di stampaggio ad iniezione
    2. La classificazione dei centri di costo diretti, industriali e servizi generali
    3. Analisi delle specifiche componenti di costo per i centri di costo diretti ed industriali
    4. Elaborazione di una “scheda prodotto” per la determinazione del costo totale del prodotto
    5. Elementi di pricing

 

Per un più ampio approfondimento del processo di controllo dei costi industriali, Cesap suggerisce anche la frequenza del corso di “Programmazione della produzione”.

ORARI DEL CORSO

Dalle 9.00 alle 17.00.

(I primi 10 minuti sono dedicati alla presentazione del seminario, dei partecipanti e del Centro).

 


Per maggiori informazioni vi invitiamo a Contattarci.


Condizioni di partecipazione

METODI STATISTICI PER IL CONTROLLO QUALITÀ NELLO STAMPAGGIO AD INIEZIONE

Sviluppo di un approccio metodologico nell’efficace definizione e robusta pianificazione delle attività di Controllo Qualità anche in relazione alla tipologia di prodotto/commessa.

DESTINATARI

Personale di produzione, dell’area tecnica e dell’assicurazione qualità

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

  1. Obiettivo del Controllo Qualità, definizione di errore e difetto
  2. Diagrammi di Flusso
  3. FMEA
  4. Piani di controllo
  5. Collaudo per campionamento
    • Definizione, scopo, tipologie, definizione AQL…
  6. Controllo statistico di processo
    • Definizione e scopo, carte di controllo, indici di capacità

Si ricorda che CESAP organizza tre corsi propedeutici alla comprensione dei difetti di stampaggio. I corsi sullo stampaggio sono di livello base, avanzato e pratico.



Condizioni di partecipazione e quota iscrizione

STAMPAGGIO A INIEZIONE – CORSO APPROFONDITO

Corso dedicato ai tecnici che già operano nello stampaggio ad iniezione, utile ad approfondire gli aspetti più complessi dello stampaggio ad iniezione.

Il corso si articola in 3 giornate che prevedono anche parti pratiche a bordo pressa.

DESTINATARI

Capi turno, capi reparto e operatori esperti addetti allo stampaggio

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

Primo giorno

  1. Recall corso stampaggio base (nozioni importanti da sapere)
  2. gestione apparecchiature ausiliarie: la termoregolazione degli stampi, l’essicazione e la dosatura dei materiali termoplastici
  3. proprietà termiche, diagrammi PvT (importanza della velocità di raffreddamento, cristallinità): metodo per la definizione operativa delle variabili di stampaggio quali temperatura, contropressione, velocità di rotazione della vite, con particolare riferimento alla presenza di additivi, cariche e rinforzi che condizionano le variabili operative e la qualità finale dei manufatti.

Secondo giorno

  1. Tipologie di stampi per materiali termoplastici in funzione di uno stampaggio ottimale
  2. punti di iniezione: tipologie e effetti del loro posizionamento
  3. manutenzione ordinaria degli stampi per prevenire difettosità
  4. prove pratiche a bordo macchina: influenza delle variabili operative sul grado di cristallinità e sui ritiri; condizioni di stampaggio che possono indurre tensionamenti e metodi di laboratorio per individuarli.

Terzo giorno

  1. Principali difettosità di stampaggio, inquadramento dei problemi e rimedi per risolverli
  2. prove pratiche a bordo macchina: influenza del punto di iniezione e delle condizioni di stampaggio sull’orientamento molecolare e sull’efficienza delle linee di giunzione.
  3. prove dimensionali su provini precedentemente stampati, per evidenziare la variazione dei ritiri per tutte le condizioni di stampaggio impostate e dopo ricottura.

 

Sono complementari i corsi sulla documentazione tecnica e sul controllo qualità nello stampaggio a iniezione.

 



Condizioni di partecipazione e quota iscrizione