Eventi

TECNICHE DI COLORAZIONE PER I POLIMERI

La colorazione delle materie plastiche con riferimento all’ utilizzo di masterbatch. La prima parte del corso è dedicata alla definizione del concetto di colore e di spazio cromatico con riferimento alle più recenti normative nazionali ed internazionali (norme UNI). Il problema della “costanza del colore” e del metamerismo in particolare per la definizione di capitolati di accettazione/fornitura. La seconda parte é dedicata alle tematiche connesse alla colorazione dei materiali polimerici, con riferimento all’additivazione di coloranti/pigmenti, per evidenziare pregi e difetti delle sostanze coloranti e delle “tecniche” di colorazione con particolare attenzione ai masterbatch.

DESTINATARI

Il corso è rivolto a tecnici coloristi o di controllo qualità delle aziende che trattano materie plastiche colorate (compound, film, flaconi, imballaggi per cosmetici ecc.) e che devono conoscerne le proprietà ottiche e colorimetriche nonché definire capitolati di fornitura e/o di accettazione.

 

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

Primo giorno

  1. Concetti generali sul colore: fisiologia, psicologia, effetti visivi, influenza del “contorno”
  2. colorimetria: meccanismo della visione, sintesi additiva e sottrattiva, colore dei corpi, sensibilità al colore dell’occhio ecc.
  3. illuminanti standard, costanza del colore e metamerismo
  4. spazi del colore CIE 1931, CIELAB, CMC(l:c), LABmg, CIEDE2000
  5. norme UNI sulla “valutazione/comunicazione del colore” (compensazione del gloss – UNI 10623:1998; campione di riferimento secondario – UNI 10701:1999)
  6. strumentazione utilizzata per la valutazione dei vari aspetti del colore (riflessione, trasmissione, traslucenza, “haze” ecc.)

Secondo giorno

  1. Colore e colorazione: generalità e definizioni (colorante, pigmento, miscela o preparazione pigmentaria, masterbatch)
  2. colorazione dei polimeri termoplastici: pigmenti in polvere, paste, compound, masterbatch
  3. sostanze coloranti: pigmenti inorganici, pigmenti organici, coloranti plastosolubili (caratteristiche colorimetriche, proprietà chimico-fisiche ed eco-tossicologiche, con riferimento al Regolamento REACH)
  4. masterbatch: la dispersione del pigmento, le tipologie dei polimeri (polari, apolari), le tecnologie di produzione (processo continuo o discontinuo)
  5. proprietà caratteristiche di un masterbatch: aspetti reologici, stabilità (calore, luce), migrazione, metameria, interazione con altri componenti, distorsioni e ritiri.

Ad integrazione del corso, CESAP eroga anche “le principali prove di laboratorio e l’interpretazione dei risultati” basato su esempi sperimentali e su prove svolte in laboratorio in cui tratta le caratteristiche di un materiale polimerico al fine di individuare quello utilizzato in una determinata applicazione.

ORARI DEL CORSO

Dalle 9.00 alle 17.00.
Si precisa che i primi 10 minuti del corso saranno dedicati alla presentazione del corso, dei partecipanti e di CESAP.


Condizioni di partecipazione e quota iscrizione

CORSO APPROFONDITO SUI POLIMERI

Nozioni avanzate sulle caratteristiche dei materiali plastici: struttura, proprietà, prove di caratterizzazione, classificazione per famiglie, schede tecniche, cenni sui principali processi di trasformazione

DESTINATARI

Progettisti, tecnici di laboratorio e produzione, assicuratori qualità, utilizzatori di manufatti

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

Primo giorno

  1. Struttura e definizioni dei polimeri termoplastici
  2. effetto delle condizioni ambientali e del tempo sulle caratteristiche dei polimeri
  3. il fenomeno del creep o scorrimento viscoso
  4. le curve reologiche dei polimeri, cosa rappresentano e come si ottengono
  5. prove di caratterizzazione dei materiali plastici: descrizione dei metodi di prova, significato e interpretazione dei risultati
  • caratterizzazione fisico-meccanica (trazione, flessione, urti Izod e Charpy, temperature Vicat e HDT)
  • caratterizzazione reologica (indice di fluidità, viscosità in soluzione, curva reologica)
  • caratterizzazione con prove di infiammabilità (UL 94 V – glow wire test)
  • prove di identificazione dei materiali mediante analisi FT-IR e DSC.

 

Secondo giorno

  1. Proprietà più significative delle principali famiglie polimeriche
  2. utilizzo di superpolimeri per applicazioni speciali
  3. identificazione delle proprietà indicate in una scheda tecnica tramite le quali effettuare la scelta di un materiale, riferimento alle principali banche dati consultabili in internet
  4. generalità sui principali processi di trasformazione delle materie plastiche
  5. applicazioni e discussioni su casi concreti.

 

Segnaliamo che sullo stesso argomento CESAP offre altri tre corsi: uno su “Introduzione alle materie plastiche” di un giorno, per chi necessità di informazioni di base; un secondo “Corso base sui polimeri”, un terzo di due giorni “Le principali prove di laboratorio e l’interpretazione dei risultati”.
 

ORARI DEL CORSO

Dalle 9.00 alle 17.00.

(I primi 10 minuti del primo giorno sono dedicati alla presentazione del seminario, dei partecipanti e del Centro).



Condizioni di partecipazione e quota iscrizione

CORSO BASE SUI POLIMERI

Nozioni di base sui materiali plastici: struttura, definizioni e proprietà, additivi vari e classificazione per famiglie.

DESTINATARI

Progettisti, tecnici di laboratorio e produzione, assicuratori qualità, utilizzatori di manufatti

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

1. definizione di macromolecola e polimero
2. definizione di omopolimero e copolimero, termoplastico e termoindurente
3. concetto di visco-elasticità
4. polimeri amorfi e semicristallini
5. temperature di fusione e di transizione vetrosa
6. fluidità: come si misura, perché può essere un indice di degradazione del materiale, come influenza la trasformazione del materiale e le proprietà dei manufatti
7. Panoramica su rinforzi, cariche e additivi presenti nei polimeri
8. Cenni sulle principali famiglie polimeriche
CESAP organizza corsi che consentono approfondimenti sulle diverse proprietà dei polimeri, soffermandosi su aspetti che attengono alla progettazione, alla scelta più appropriata dei materiali in funzione dei manufatti da produrre, alle prove di laboratorio necessarie per una completa caratterizzazione dei materiali.

ORARI DEL CORSO

Dalle 9.00 alle 17.00.
Si precisa che i primi 10 minuti del corso saranno dedicati alla presentazione del corso, dei partecipanti e di CESAP.



Condizioni di partecipazione e quota iscrizione

APPROFONDIMENTI SULLE TECNICHE IR E DSC

Approfondimento sulle tecniche di caratterizzazione ed analisi più utilizzate per i polimeri, (Spettroscopia infrarossa FT-IR e Calorimetria a scansione differenziale DSC), loro complementarietà e prova pratica di laboratorio

DESTINATARI

Il corso è rivolto a personale tecnico che già possiede le nozioni base sulle principali prove di laboratorio

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

1. conoscenza del materiale: cenni sulla struttura e sulle proprietà dei polimeri termoplastici
− definizione di macromolecola
− le diverse tipologie di legami chimici e di macromolecole presenti nei polimeri termoplastici
− le fondamentali temperature di transizione termica di un polimero (fusione e transizione vetrosa)
2. spettroscopia infrarossa FT-IR
− principio di prova e strumentazione
− applicazione dell’analisi FT-IR nei polimeri con discussione di esempi pratici
3. calorimetria a scansione differenziale DSC
− principio di prova e strumentazione
− applicazione dell’analisi DSC nei polimeri con discussione di esempi pratici
4. complementarietà delle analisi FT-IR e DSC nell’identificazione di un polimero
− discussione di esempi di analisi di polimeri in cui è necessario eseguire entrambe le analisi per ottenere compiutamente l’informazione desiderata.
Nella giornata di corso è prevista una breve visita al laboratorio prove per una dimostrazione pratica delle analisi descritte in aula.

La lezione prevede una dimostrazione pratica in laboratorio.

Per approfondire Cesap offre il “Corso avanzato sui polimeri” e il corso “Le principali prove di laboratorio e l’interpretazione dei risultati” sulle prove e le analisi dei polimeri.


Condizioni di partecipazione e quota iscrizione

STAMPAGGIO A INIEZIONE: CORSO BASE

CESAP organizza un corso di primo livello per definire correttamente tutte le variabili operative coinvolte in un processo di stampaggio ad iniezione e conoscere la funzionalità delle macchine e delle apparecchiature ausiliarie utilizzabili.

ORARI DEL CORSO

Dalle 9.00 alle 17.00.

Si precisa che i primi 10 minuti del corso saranno dedicati alla presentazione del corso, dei partecipanti e del Centro.

DESTINATARI

Il corso è rivolto agli operatori addetti allo stampaggio e a tutti coloro che vogliono conoscere in dettaglio la corretta procedura di avviamento e di conduzione di un processo di stampaggio.

DOCENTI

I docenti CESAP hanno un’esperienza specifica pluriennale, maturata nelle aziende del settore e aggiornata con continuità.

PROGRAMMA DELL’ATTIVITÀ FORMATIVA

Primo giorno

  1. Cenni sulle tipologie di polimeri termoplastici (amorfi e semi-cristallini)
  2. tipologie di stampi a iniezione per termoplastici
  3. tipologie di presse, gruppi di chiusura e gruppi di plastificazione
  4. dimostrazioni pratiche a bordo macchina: predisposizione della macchina per lo stampaggio ad iniezione e delle apparecchiature ausiliarie per l’avviamento del ciclo produttivo, preparazione del materiale ed impostazione preliminare dei paramenti macchina e cenni sulla sicurezza sul lavoro (principali protezioni delle macchine a iniezione e delle isole di lavoro)

Secondo giorno

  1. descrizione del ciclo di stampaggio, con descrizione approfondita delle variabili di processo: volume di dosaggio, punto di commutazione, profili di temperatura nel cilindro, temperatura stampo, velocità d’iniezione e relativi profili, pressione e tempo di compattamento, raffreddamento;
  2. dimostrazioni pratiche a bordo macchina:
  • determinazione pratica dei parametri di processo descritti in aula;
  • analisi ed ottimizzazione dei parametri e della loro influenza per lo stampaggio in qualità di materiali termoplastici